Il mistero misterioso dell’arrotino

In questa calda e umida domenica di giugno voglio intrattenervi su un mistero misterioso di fronte al quale tutti noi ci siamo imbattuti, magari in modo inconsapevole. E quando dico tutti, dico proprio tutti. Che voi abitiate all’ombra della Mole Antonelliana o sotto la Madonnina, che abbiate i piedi a mollo nella laguna o siate sotto le pendici del Vesuvio o su quella dell’Etna. Che abitiate nella Città eterna o nel più piccolo borgo dello stivale, il discorso non cambia. Tutti voi vi siete imbattuti in questo mistero.

E no, non intendo come abbia fatto Salvini a diventare un leader politico (certo, anche quello è un bel mistero misterioso) e neanche il motivo per cui dopo i cinquantanni comincino a crescerti i peli nel naso e nelle orecchie. No, intendo il mistero che si cela dietro queste parole:

Donne, è arrivato l’arrotino. Arrota coltelli, forbici, forbicine, forbici da seta, coltelli da prosciutto. Ripariamo cucine a gas, abbiamo tutti i pezzi di ricambio per le cucine a gas. Se avete perdite di gas noi le aggiustiamo, se la vostra cucina fa fumo, noi togliamo il fumo dalla vostra cucina a gas.

Voi mi direte, che mistero c’è? E’ una cosa che sentiamo spesso, di solito di mattina, in tutte le strade d’Italia. Esatto, ma il mistero è proprio questo! Com’è possibile che tutti gli arrotini d’Italia abbiano la stessa voce registrata che dice le stesse cose? Ho provato a elaborare per voi qualche teoria che risolverebbe il mistero misterioso, perché in effetti, pensateci bene, avete mai visto com’è fatto un arrotino? Cioè, al di là della voce registrata, qualcuno potrebbe dire se è un uomo, una donna, un bambino, se è un robot o se esiste veramente? Ecco dunque cinque possibili spiegazioni

  • Gli arrotini sono una setta simil massonica, che usa simboli e linguaggi segreti, noti solo agli adepti
  • Gli arrotini sono dei cloni, tipo gli Umpa Lumpa della fabbrica del cioccolato, tutti uguali
  • Gli arrotini in realtà non esistono, ne esiste uno solo, che è un supereroe tipo Superman e gira l’Italia sotto mentite spoglie per salvare il mondo
  • Gli arrotini sono extraterrestri e mentre ti arrotano i coltelli e riparano gli ombrelli ti piazzano un microchip a tua insaputa, che si attiva con le scie chimiche e viene individuato con il 5G
  • Gli arrotini sono gli ultimi discendenti degli Incas, sfrattati da Machu Pichu, vagano per le strade del mondo pronti a rifondare l’impero di Atahualpa

Ringraziando la mia amica Chiara (https://sguardiepercorsi.com/) che mi ha ispirato il post, cari viaggiatori ermeneutici, secondo voi quale sarà la soluzione del mistero?

12 thoughts on “Il mistero misterioso dell’arrotino

  1. Sai che me lo sono sempre chiesta… Mio nonno diceva che andava in giro ed era uno che girava tutta Italia… E gli ho sempre creduto… Altrimenti sarebbe stato davvero un gran mistero…. 🤣

  2. Donne donne…ma perché gli uomini non hanno bisogno di arrotare i coltelli e le forbici o riparare cucine? Discriminazione nel mistero 😜. A me è capitato anche l’arrotino 2.0: oltre ai coltelli, forbici e cucine a gasSE, ha “updatato” i servizi offerti anche come “ombrellaio”.
    Essere svegliato d’estate la mattina sul presto, mi fa desiderare di arrotare i coltelli e fare un test della lama sull’arrotino 😂

  3. Difficile da credere, ma mi è capitato proprio oggi di incontrarne uno. Decantava anche la velocità della riparazione tra le sue qualità principali!😂 (Comunque anche il mistero di Salvini sarebbe da studiare!) 🙄

  4. Avendo un debole per gli Umpa Lumpa voto per questa teoria!
    Che poi, ma qualcuno è mai veramente ricorso ai servigi di tale categoria? Il mistero si infittisce…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...