Effetti collaterali

Leggo e ascolto in giro grandi preoccupazioni per questi famigerati effetti collaterali dei vaccini. Ma riflettiamo insieme, cari viaggiatori ermeneutici. Per esempio, quali sono gli effetti collaterali dell’andare in bicicletta sulla strade di Roma? A parte farsi venire i polpacci come Chiellini, lo sapete che si rischia la vita ad ogni sorpasso? Che qualsiasi macchina parcheggiata nasconde uno sbadato che potrebbe aprire lo sportello mentre passate? E vogliamo parlare delle buche che si aprono come fossero voragini? E la pioggia che rende la strade simili a una pista di pattinaggio su ghiaccio? Non tralasciamo poi i colpi d’aria con conseguenti mal di gola, né gli inevitabili attacchi di emorroidi conseguenti allo stare appollaiati su quegli scomodissimi sellini.

E va be’ quindi evitiamo di andare in bicicletta. Sull’andare in motorino neanche mi soffermo: chi lo fa sa benissimo che sta giocando alla roulette russa e che la sua vita è appesa ad un filo flebile, in balia del primo refolo di vento. Quindi andiamo in macchina. Ma sapete quanti incidenti di macchina ci sono a Roma in un anno? Gli ultimi dati ufficiali sono del 2019 e raccontano oltre 11 mila incidenti, più di 30 ogni giorno, Natale compreso: 14 mila persone ferite, 99 morti. Proprio sicuri che volete prendere la macchina? Allora andiamo a piedi! Certo, se nessuno ci investe, se non ci cade un pezzo di cornicione in testa, se non inciampiamo nelle già citate buche, se non veniamo aggrediti da rapinatori, se non incontriamo qualche cane feroce senza museruola, possiamo anche arrischiare una bella passeggiata.

Altrimenti stiamo in casa. In fondo in Italia – sempre dati del 2019 – ci sono stati “solamente” 783 mila incidenti domestici, circa 2100 al giorno. C’è anche una classifica dei luoghi più a rischio. In cucina avvengono il 63% degli incidenti, a seguire la camera da letto con il 10%, poi il soggiorno con il 9% quindi le scale e il bagno con l’8%.

E quindi che dobbiamo fare? Andate a vaccinarvi e non rompete i coglioni!