Questione di fiducia

Riprendendo il post dell’altro giorno qualcuno mi faceva notare che forse quegli estranei che vediamo in metropolitana con i loro tic e le piccole manie, chiusi nel loro scudo di difesa impenetrabile, non sono realmente così. Probabilmente si mostrano in un certo modo proprio per il contesto in cui si trovano.

Ma come siamo realmente? O forse, la domanda giusta è, con chi siamo disposti a mostrarci per quello che siamo realmente? Di chi ci fidiamo al punto da abbandonare maschere, scudi, corazze, tic e manie varie?

Già una volta (E tu quanto ti fidi?) avevo provato a buttare giù una classifica dei livelli di fiducia, ma qui la questione ritorna su un aspetto particolare. Se solitamente, di fronte al resto del mondo generico, appariamo in un modo che forse neanche noi conosciamo e governiamo fino in fondo, a che punto dobbiamo fidarci per mostrare veramente come siamo?

A me veniva in mente il barbiere. Perché per un miope come me, andare dal barbiere è un atto di fiducia estremo: una volta che mi ha tolto gli occhiali, con un paio di forbici in mano, potrebbe fare qualsiasi cosa. Potrebbe farmi diventare un mohicano. Potrebbe tirar fuori un ciuffo alla Little Tony, o una cresta tipo Billy Idol. Mi potrei ritrovare con i capelli verdi, oppure totalmente pelato. Ce l’abbiamo una persona così?

Non bisogna rispondere subito, però secondo me è bene pensarci. E soprattutto, se abbiamo un barbiere di fiducia, teniamocelo stretto.

8 thoughts on “Questione di fiducia

  1. A parte che la mia parrucchiera sa meglio di me di cosa ho bisogno ..
    La fiducia è un atto estremo. Pericoloso. Coraggioso. Faticoso. Mi sento stanca solo a pensarci… eppure ci sono occasioni in cui la dai senza riflettere. Di istinto. E chissà se ha ragione lui. L’istinto, dico. Non lo so… so che accade. E spesso me ne rammarico

  2. Io un barbiere di fiducia ce l’ho, anche se da poco.
    Io gli dico cosa mi piacerebbe, e lui fa quel cazzo che vuole, immancabilmente, con risultati sempre egualmente agghiaccianti: posso metterci la mano sul fuoco.

  3. Sarà perché sono miope anch’io, mi fido ciecamente della mia parrucchiera. Le lascio carta bianca, tanto anche se le dico come voglio i capelli lei annuisce poi fa di testa sua. E devo dire che il risultato mi soddisfa sempre. Poi mi fido della mia podologa… i piedi sono clienti esigenti, ma dopo che ci ha messo mano lei sorridono felici.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...