Cosa resterà di questo duemilaventi

Diciamo la verità, non vediamo l’ora che finisca! Penso che raramente si sia trovata un’uniformità di opinioni così generalizzata. In un sondaggio avremmo percentuali bulgare, come si diceva una volta. E se volessimo sintetizzare al massimo, questo sentimento diffuso nei confronti dell’anno che sta per terminare, saremmo tutti d’accordo: al massimo potremmo concederci una variante poetica o chissà, grammaticale. Ma insomma il giudizio sarebbe unanime

Penso che questo 2020 anche in futuro ci servirà da termine di paragone: “sì, d’accordo quest’anno non è stato un granché, ma ricordatevi allora il duemilaventi“! Anche nei ricordi sarà per sempre l’anno orribilis, l’innominato, il parente da dimenticare, lo zio di cui vergognarsi, il cugino che facciamo finta di non conoscere.

Anche a me certamente non lascia in bocca un sapore dolce, né complessivamente un ricordo piacevole. Eppure, nella sua particolarità, forse nella sua unicità, debbo riconoscere che mi ha insegnato tante cose, mi ha fatto riscoprire e apprezzare cose che davo per scontate, oppure che non conoscevo affatto. Per esempio, pur avendo l’abbonamento da anni, non avevo mai visto Netflix. Non sono un grande amante della TV, ma debbo dare ragione ai miei ragazzi: Netflix è veramente fico! Ma anche il balcone. Prima di quest’anno chi era mai stato in balcone?

Ho riscoperto la bellezza dei parchi cittadini, delle piste ciclabili e del cucinare. Ho avuto conferma che c’è gente che non si lava (nemmeno le mani!!!) e che in fondo i Korenai che da sempre girano per Roma con le mascherine, non sono poi così sociopatici come credevo. Ho capito la fortuna di vivere in un Paese in cui non bisogna aprire un mutuo per curarsi. Ho capito (ma questo in fondo lo sapevo già) che ho una grande fiducia nella scienza. Che magari non risolverà tutti i problemi, ma certo qualche soluzione per semplificarci la vita, ce la dà. D’altra parte sono cresciuto con l’idrolitina, potrei mai aver paura di un vaccino?

Ho capito sempre di più quanto sia bello vedersi di persona e abbracciarsi, poter stare insieme alle persone a cui voglio bene. Ho capito quanto non sia scontato avere la libertà di andare dove mi pare, all’ora che mi pare, senza dover dare spiegazioni a qualcuno. Ho avuto una nostalgia dei viaggi, che neanche quelli ermeneutici me l’hanno fatta passare. Non ho ancora nostalgia per il traffico e l’ufficio, ma chissà, se la cosa durasse ancora per qualche mese….no, mi correggo. Quella non credo che mi verrà mai!

Ho capito quanto sono fortunato che comunque la mia vita si sia potuta evolvere adeguandosi alla nuova situazione. Perché invece per tanti intorno a me non è cambiato proprio nulla: hanno continuato la solita vita, solo con il terrore quotidiano di ammalarsi. Insomma, questo duemilaventi mi ha tolto tante cose, ma forse senza volerlo me ne ha date tante altre. Riuscirò a tenerle anche in futuro? Riuscirò a riprendermi la vita di prima, senza però dimenticare quello che ho imparato?

Insomma, non penso convenga a nessuno buttare nel dimenticatoio l’anno che se ne sta andando, anzi, al contrario, converrà tenerlo bene a mente. Anche perché in fondo lo sappiamo: tra il 31 dicembre e il 1 gennaio, passano solo 24 ore. Cosa volete che cambi veramente?

16 thoughts on “Cosa resterà di questo duemilaventi

  1. Esatto!! 🤣🤣🤣🤣🤣
    E comunque è un po’ triste che ci sia voluto questo virus con tutte le sue conseguenze per farci riscoprire alcune cose che dovrebbero essere pane quotidiano. No? 🙂

  2. Da questo brutto anno, ho imparato ad amare le cose semplici. Una stretta di mano, che non possiamo più scambiarci, un abbraccio, che tanto mi manca, anche i sorrisi sono spariti grazie alle mascherine… quindi attendo con impazienza di ritrovare queste normalità per sentirmi di nuovo viva! Buon 2021 caro Remolo, auguriamoci almeno la serenità!!!! 🙂

  3. Sull’ultima considerazione mi trovi moolto d’accordo! Anche se ci credo sempre.
    Su questo meno..”.in cui non bisogna aprire un mutuo per curarsi.”.
    Comunque , anche negli anni più bui della mia vita non rinnego mai niente, non credo siano da dimenticare, anzi!

  4. Diciamo che l’unico vantaggio della mascherina è di poter sbadigliare in pubblico.. 🤣 Per il resto proprio non la sopporto… Però devo dire che a parte i necessari adattamenti alla situazione di distanziamento devo dire che non lo posso considerare hannus orribilis xche’insomma è arrivata una figlia! E un giorno le racconterò in che razza di anno ha deciso di nascere 🧡!

  5. Bella riflessione, Romolo. Siamo partiti da presupposti diversi, ma il filo conduttore è il medesimo. Solo che essendo scettica per natura, prima di dire che ho imparato qualcosa, aspetto un po’ 😉

  6. Ciai Giac!
    Oltre all’ Idrolitina c’era anche la Frizzina, mia nonna ne aveva sempre in ghiaccio. Volevo scrivere un post di riflessione ma tu mi hai preceduto…
    Che faccio, lo scrivo lo stesso?

  7. Ma poi non dire che ho scopiazzato.
    Da me ti lascio una canzone che spero ti piaccia… sto riscoprendo i Suoertramps…
    STELLARI !💋💋💋

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...