Faccio outing?

Prima considerazione: come ho avuto modo di scrivere più volte, vi ritengo in assoluto meglio di noi per moltissimi aspetti (siete più intuitive, più profonde, più socialmente intelligenti, più pratiche, avete più risorse, sapete cogliere le sfumature, capite meglio e prima di noi quando bisogna parlare e quando è preferibile tacere, avete capacità nascoste a noi quasi del tutto ignote).

Seconda considerazione: ognuno fa quel che vuole e non sarò certo io a discutere gusti ed attitudini di chicchessia. Tutti i gusti son gusti e dove c’è piacere non c’è perdenza, non esprimo giudizi di merito o di valore o per nessunissimo motivo mi permetto di sindacare l’opportunità di scelte altrui.

Poste queste due indispensabili premesse, però queste sere mentre davanti alla TV scorrono le immagini delle più forti calciatrici del mondo che si stanno sfidando per il titolo, mi si è formata chiaramente un’opinione: lasciate perdere il calcio. Non fa per voi. Potrete anche diventare brave, tecnicamente, tatticamente, fare le sovrapposizioni sulle fasce e le chiusure in diagonale da manuale. Ma non fa per voi. Non saprei spiegare perché, ma vi guardo giocare e sento qualcosa che non va. Non mi capita guardando la pallavolo o il basket, l’atletica, il tennis o la pallanuoto femminili. Sport che ho sempre seguito con gusto anche nella versione femminile. Ma il calcio è un’altra cosa. Già il modo di correre, il modo di coordinarsi prima di calciare o stoppare un palla sono strani. Non è un discorso valoriale, è una questione estetica. Un fatto di gusto. Opinione personalissima e assolutamente soggettiva. Le donne giocano a calcio in modo brutto. Non ho assolutamente nulla contro di loro, mi fanno anche simpatia (soprattutto quella americana con i capelli lilla che non perde occasione per sbeffeggiare Trump). Ma se loro sono liberissime di imitare Messi e Ronaldo, sarò libero io di dire che non mi piacciono o passo per maschio sciovinista?

Sarà che faccio passare prima le donne o che preferisco pagare io quando prendo il caffè con qualche fanciulla? la questione si ricollega al fatto che in 25 anni di matrimonio ho sempre buttato io la mondezza o che non mi sognerei mai di far portare una busta della spesa alla mia dolce metà? Io non credo che le cose siano collegate. Ho un figlio che gioca a calcio e una figlia che fa nuoto sincronizzato. Avessero invertito le scelte li avrei comunque seguiti ed incoraggiati senza esitazione come sto facendo da anni. Ma detto sinceramente, sono molto contento delle rispettive scelte. Per questo sono un maschio sciovinista? Se è così, dovrò fare outing, ma ripeto, non è una questione valoriale, semplicemente estetica. E come scrivevo prima, al gusto non si comanda.