Detto fra uomini

Ho incontrato uomini malati di nostalgia per felicità ormai trascorse e altri pieni di energia e di salute pronti a traboccare come lattine di bibite gassate. Uomini potenti come imperatori cinesi con lo sguardo talmente in alto da rischiare il torcicollo. Uomini nervosi come corde di violino che hai paura ti diano la scossa solo a toccarli, altri affaticati dal peso del mondo o forse semplicemente da una cattiva digestione.

Uomini ubriachi di fatica perché non dormono mai e uomini che avrebbero voluto essere qualcun altro, confusi da sogni di gloria mai realmente sognati. Uomini innamorati di se stessi al punto da non piacersi più, uomini in cerca di un’opportunità, uomini in fuga dalle responsabilità. Uomini stanchi ed annoiati per troppe vite già vissute. Ho incontrato uomini bravi a saper fare e altri invece bravi a fare finta.

Uomini che si appropriavano delle cose, uomini che le rovinano, uomini con tanto da guadagnare e uomini con poco da perdere. Uomini che conoscevano e altri che ignoravano. Uomini per bene e uomini per male, schiene dritte e lingue biforcute, uomini di mare che avevano imparato a galleggiare ed altri affogati in un mare di uomini. Uomini soli, che in fondo erano solo uomini.

Ed io che uomo sono? Faccio fatica a catalogarmi, forse anche io contengo moltitudini. E comunque, non so voi, forse sarò all’antica, forse sarò di parte, non saprei, ma in ogni caso, io preferisco le donne.

 

 

Atto di fiducia

Benissimo, allora vuol dire che mi contraddico: sono vasto, contengo moltitudini”

E così alla fine ho deciso di andare. Lo so, lo so cosa state pensando. So benissimo da me di non essere la persona più lineare e coerente di questo mondo. Avevo detto che non sarei mai più andato, che non avrei più buttato il mio tempo in questo modo, ma oggi voglio fare un atto di fiducia. Voglio fidarmi, al di là della logica e delle esperienze passate. E’ inutile che ora state lì a sottolineare la mia contraddittorietà.

Volete dirmi che è inutile? Che poi non cambia nulla? Lo so, infatti è così. Volete dirmi che è solo esteriorità, è solo per poter affermare un’apparente cambiamento che di fatto, sostanzialmente, non cambierà nulla? E avete ragione. Vorreste accusarmi di essere un sognatore, uno che sta lì con il naso all’insù ad inseguire le nuvole? In fondo è vero, non voglio e non posso negarlo. Ma ripeto, voglio essere speranzoso, voglio credere che almeno per un po’ le cose miglioreranno. Sarà solo un miglioramento di facciata? Certo, neanche il mio pur smisurato ottimismo potrebbe pensarla diversamente.

Sarà un gesto simbolico, come un bambino che fa la pipì, come un voltare pagina, liberandosi delle sporcizie del passato. Ma del resto che alternativa abbiamo? Per questo ho deciso di andare. la cosa non mi entusiasma, anzi mi pesa molto, ma oramai ho deciso. Andrò a lavare la macchina.

L' enfant qui pisse