Pecore nere, pecore bianche

Essere omologati non è mai una bella cosa. Sarebbe sempre meglio ragionare con la propria testa, invece di farsi influenzare dalle mode, seguendo la corrente come ciocchi di legno sulla corrente del fiume. E’ però abbastanza scontato che idee giuste, abbiano grande seguito. Se quindi è da deplorare o almeno da guardare alzando un sopracciglio chi fa la fila da Apple per comprare l’ultimo Iphone, non allo stesso modo può essere valutato chi decide di aderire all’ondata di solidarietà che ha suscitato la campagna Black lives matter. Anzi. Finalmente viene sottolineata una questione mai risolta, almeno negli Stati Uniti dove, numeri alla mano, 150 dopo la fine della segregazione razziale, le differenze sostanziali fra bianchi e neri continuano a persistere.

Grande adesione anche da parte delle stelle del cinema, dello sport, in tutti i Paesi, in tutti gli ambiti. Al punto da diventare quasi una moda? Forse sì. C’è sempre un sovraccarico di retorica, soprattutto quando vogliamo partecipare a questioni che in teoria ci riguardano molto da lontano. E’ quello che deve aver pensato Samantha Leshnak Murphy, una giocatrice di calcio americana, secondo cui “All lives matter“, tutte le vite contano, mica solo quelle dalle pelle scura. E così ha deciso di non uniformarsi.

Scelta coraggiosa, che non voleva essere contro quella campagna (la fanciulla lo ha dichiarato apertamente), ma semplicemente di chi non vuole omologarsi. Scelta rispettabile soprattutto perché, non so voi, ma io di tutto questo sdegno di cui sono pieni i social, di tutte queste indignazioni a comando, non ne posso proprio più! Un giorno gli immigrati buoni, un altro gli immigrati cattivi che mangiano i gatti, un altro i vitalizi, poi i vaccini, Je sui Charlie, gli agnelli a Pasqua, i rigori per la Juve, i Marò, Bibbiano e allora il PD? L’Amazzonia, il buco dell’ozono, si stava meglio quando si stava peggio, signora mia non le dico……BASTA!!!

Prima di sposare qualsivoglia causa, ognuno di noi, in somma onestà, guardandosi allo specchio, dovrebbe domandarsi: ho fatto o comunque sarei disposto a fare personalmente qualcosa per contrastare questa cosa che mi indigna tanto, oltre a scrivere qualche stronzata su FB? E quindi, anche se forse verrai strumentalizzata da qualche razzista dell’Illinois, brava Samantha che almeno ci hai messo la faccia!

 

Indignazione a comando

La polemica iconoclasta di cui già scrivevo nel precedente post non accenna a diminuire. Anzi, a macchia d’olio si allarga fino a comprendere luoghi e volti della memoria collettiva di ogni ordine e grado. Negli Stati Uniti dalle statue di Colombo era facile prevedere che si sarebbe passati a quelle dei generali confederati (non si salva nemmeno Via col vento!). In Europa ci si interroga su figure orrende come Leopoldo del Belgio (uno dei peggiori carnefici dell storia coloniale) e da noi infuria la polemica montanelliana che già però si allarga ad altri personaggi, come Pasolini.

Interessante ascoltare le motivazioni dei sostenitori e dei detrattori dell’uno e dell’altro. Come sempre è molto più facile indignarsi per le nefandezze altrui, rispetto a quelle dei cosiddetti “nostri”, verso i quali invece si cerca sempre di essere indulgenti, al limite della rimozione. Il problema di fondo è che l’esercizio critico è un lavoro faticoso, una cosa seria, che prevede approfondire le questioni, perdere tempo, senza utilizzare facili scorciatoie: è cosa c’è di più facile dell’indignazione?

Non si tratta nemmeno di contestualizzare (che chissà perché vale per qualcuno, ma per qualcun altro no, vedi appunto Montanelli Pasolini, oppure se volessimo allargare i discorsi, potrebbe valere per Pinochet e magari non per Pol Pot): alcune cose vanno condannate in assoluto, soprattutto se hanno ancora una loro propagine nell’attualità. Non ha senso prendersela con Colombo perché nessuno vorrebbe oggi imbarcarsi per scoprire un continente, come non avrebbe senso tirar giù la Colonna Traiana perché neanche a Salvini verrebbe in mente di invadere la Tracia. Discutere sulla pedofilia di Montanelli (o Pasolini), ne ha molto di più: questo senza togliere i grandi meriti storici ed artistici dell’uno o dell’altro.

Mi sembra strano anzi che ancora non si sia riaccesa l’annosa questione del cosiddetto Foro Italico. A cui  abbiamo semplicemente cambiato il nome (si chiamava Foro Mussolini), ma per il resto continua ad essere il monumento per esaltare i trionfi (?) dell’era fascista così come l’avevano pensato e costruito ottanta anni fa. Sarebbe bello poterlo definitivamente confinare dentro i libri di storia, un po’ come la Colonna Traiana. E probabilmente ci saremmo anche riusciti, se non ci fosse qualche decerebrato che poi, magari proprio dentro le curve dello stadio lì vicino, non continuasse ad esaltarne le idee, come fossero riproponibili oggi.

Purtroppo non siamo (più) un popolo di santi eroi e navigatori. Siamo soprattutto un popolo di tifosi. Che parteggia o attacca acriticamente personaggi o idee senza mai metterli veramente in discussione. Come in un recente passato, riusciamo a passare da piazza Venezia a piazzale Loreto con una facilità disarmante e la memoria storica di un pesce rosso. Altrimenti non avremmo seguito con tanta facilità tutti i vari imbonitori cantastorie che promettevano ciò che non avrebbero potuto mantenere, soluzioni facili a problemi complessi. Riusciamo a valutare criticamente un personaggio del passato, apprezzandolo per i suoi meriti e censurando con fermezza opinioni o azioni personali discutibili? Indignarsi sui social è molto più semplice. Sarà per questo che va tanto di moda.